Saturday, July 07, 2012

Intervista a Micol Martinez


Intervista a Micol Martinez
di Fabio Antonelli

Micol Martinez è una giovane cantautrice milanese che, con soli due album all'attivo, ha già messo d'accordo la critica che, dopo aver accolto molto bene il suo disco d'esordio “Copenhagen” prodotto dal catanese Cesare Basile, si appresta ora a fare altrettanto con il suo nuovo disco “La testa dentro”, un disco che è stato già definito il disco della raggiunta maturità artistica, sentiamo cosa ci ha raccontato di questo suo nuovo progetto.



Il tuo nuovo disco s'intitola “La testa dentro”, perché questo titolo?

Perché sono partita forse dall'avere la testa eccessivamente dentro me stessa tanto da non riuscire più a guardare fuori e questo disco, in realtà, mi ha aiutato ad uscirne fuori, guardando alle persone che inevitabilmente entrano ed escono dalla propria vita e vuole essere un segno positivo.

Quanto c'è di te in questo disco?

C'è molto di me, di fatto è quasi impossibile che non ci sia niente di se in una propria creazione. C'è molto di me anche se spero di essere stata il filtro tra la realtà stessa e la presentazione di una nuova realtà che è il soggetto stesso delle canzoni, spero che le persone riescano a interpretare i brani e credo che in qualche caso sono anche riuscita a trasmettere qualche messaggio universale.

Si può dire che è un disco intimista, sotto un certo punto di vista?

Si, lo è un po' come tutti i miei lavori, è un po' il mio modo di esprimermi, anche come persona devo ammettere che non sono particolarmente socievole, vivo abbastanza per i fatti miei, ho le mie amicizie strette. Quindi è già il mio modo di comunicare a essere intimista e questo si sente anche nelle canzoni.

Vi si trova anche un certo linguaggio quasi ermetico?

Mah, ermetico... si, forse in alcuni casi, mi auguro non troppo ermetico, nel senso che vorrei che quello che scrivo arrivi, chiaramente scrivo a volte in senso metaforico, ma mi auguro che metaforicamente il messaggio arrivi, se poi chi ascolta interpreta un qualcosa che è lontano dalla mia idea di partenza poco importa, è sufficiente che si trovi in sintonia con le emozioni che cerco di trasmettere.

Diciamo che più che narrare storie, nelle tue canzoni narri sensazioni.

Si sensazioni, situazioni, in questo ultimo album sono soprattutto fotografie. Nel primo disco invece c'erano canzoni più concettuali, basti pensare a “Testamento biologico” che tratta del tema dell'eutanasia o a “Mercanti di parole” che tratta del mestiere di chi scrive canzoni, poesie o altro. In questo nuovo disco, invece, ogni canzone è la fotografia di una situazione o di un luogo. Ad esempio ”A filo d'acqua” è la fotografia del Mar Morto, dove sono stata per un mese e da quell'esperienza intensa è nata questa canzone.

In questo lavoro c'è la coesistenza di più stili, in alcuni casi c'è una spinta forse verso sonorità elettriche e distorsioni accentuate fino a raggiungere attimi di stasi e di grande tranquillità.

Beh, quello è dettato soprattutto dalla scrittura delle canzoni, secondo me le canzoni quando nascono hanno già in se un'idea di come dovranno poi essere prodotte, per cui ad esempio “Haggis (la testa dentro)” me l'immaginavo già suonata con le chitarre elettriche o elettro-acustiche ma comunque arrangiate in una certa maniera.

Si può dire che dietro a certe sonorità ci sia ancora qualche eco di Cesare Basile?

Non lo so, forse non tanto dietro le sonorità. E' vero che, all'uscita del primo disco, sono stata considerata da molti l'alternativa al femminile di Cesare Basile, forse perché “Copenhagen” era stato prodotto da Cesare e s'era sentita in un certo modo la sua influenza, ma è anche vero che quando io e Cesare ci siamo incontrati per iniziare quel progetto, ci siamo resi conto subito di avere gusti simili e anche un modo di scrivere molto vicino. In questo nuovo disco però non sento particolarmente la sua influenza, anche se è vero che nel disco ha suonato Luca Recchia che è stato un collaboratore di Cesare, insomma ruotiamo intorno ancora a quel mondo.

Quindi l'humus è sempre quello?

Eh beh, si questo lo ammetto ,anche se sono contenta che questo nuovo lavoro mi rappresenti al 100% , anche se magari non sono ancora arrivata alla massima potenzialità nella scrittura ma ciò è dovuto più ad una questione personale di sicurezza o meglio di insicurezza, resta il fatto che il disco è proprio come lo volevo e ne sono molto felice.

Per promuovere il disco hai usato molto lo strumento videoclip, il disco è stato infatti anticipato dal videoclip di “60 secondi”, mentre adesso è appena uscito un secondo bellissimo video del brano “L'alveare”...

Beh, diciamo che ci sono elementi di richiamo, che non sono stati forse voluti nei due video, ma bene o male nel primo video io faccio fuori qualcuno ironicamente e nel secondo ci sono comunque immagini abbastanza forti, c'è comunque quel concetto di cui ti parlavo prima della testa dentro, dell'avere la testa così rivolta a se stessi da divorarsi. Un essere umano ha comunque bisogno di nutrirsi e si nutre con quello che è al di fuori di se, ma se non riesce a farlo perché sé troppo rivolto verso il proprio interno, finisce per divorare i suoi stessi organi interni. La stessa cosa può avvenire in una relazione quando ci si guarda vicendevolmente, dimenticandosi di se e si finisce per divorare quasi l'altro, per vivere la vita dell'altro. Nel video di “L'alveare” abbiamo cercato di rappresentare questa situazione in un modo un po' grottesco, quasi Felliniano, ricordando un po' anche David Lynch, perché comunque il brano era nato come un qualcosa di divertente, ironico, grottesco. Penso che ne sia uscito un video meraviglioso, anche grazie alla regista Alessandra Pescetta, che è una delle migliori interpreti di questo periodo storico. Ho visto molti suoi lavori, è una regista di video arte, è anche un'ottima collaboratrice quando si lavora sul set e consiglio quindi a tutti di vedere questo videoclip, non tanto per la canzone mia, ma perché è secondo me una piccola opera d'arte.

E' stato molto impegnativo realizzare questo videoclip?

Beh, diciamo che sono stata per dodici ore ricoperta da cibo, seppioline, spaghetti al nero di seppia, ho dovuto mangiare queste cose più volte nella stessa giornata, è stato ridicolo, divertente, alla fine avevo tutti i denti neri e non è che fossi così “profumata”, considerando tutto il pesce avuto addosso.

C'è un brano di questo disco cui sei più affezionata?

Dipende un po' dai momenti, in linea generale “Sarà d'inverno” perché in quel brano credo di essere riuscita pienamente ad utilizzare me stessa quale canale di trasmissione di quanto volevo comunicare all'ascoltatore.

A livello di critica, sia il primo disco “Copenhagen”, sia questo nuovo disco, sono stati ben accolti, com'è stato recepito invece dal pubblico il nuovo disco durante queste prime date?

Mi sembra bene, anche se fino ad ora non ho fatto molte date, il vero tour comincerà ad ottobre, sono però stata ospite a Lifegate, c'è stata la presentazione alla Salumeria della Musica, il live a Radio Popolare per Pachanka, la partecipazione a “Rincorro il vento”, serata dedicata a Fabrizio De André svoltasi al Carroponte il 23 giugno, qualcosa insomma s'è mosso.

Il consiglio è di seguire la tua attività concertistica attraverso la pagina ufficiale su Facebook e di andare a vedere i video di cui si parlava e non solo quelli, perché non tutti sanno ma Micol è anche un'ottima interprete di canzoni altrui.

Grazie, beh potete trovare un po' di video anche sul mio canale personale di Youtube.

Ricordo che tra le chicche c'è anche una bellissima parodia di Carla Bruni ...

(ride) in merito a quel video vorrei precisare una cosa, ho scritto un commento in cui dicevo “voglio essere Carla Bruni”, pochi però hanno capito che era stato scritto in senso ironico, anzi colgo l'occasione per ribadirlo qui a chiare lettere, è ironico! Quando ho fatto quel video mi stavo annoiando, avevo il computer davanti, mi sono truccata un po' come lei e ho pensato di fare un omaggio soprattutto a mia madre che ama tanto quel brano, tutto lì! (ride)



Micol Martinez su MySpace: www.myspace.com/micolmartinez

No comments: