Tuesday, March 20, 2012

Recensione CD "Caminanti" di Giancarlo Guerrieri


Giancarlo Guerrieri: “Caminanti”
Un disco piccolo piccolo ma scritto con amore

di Fabio Antonelli

Giancarlo Guerrieri è un cantautore siciliano non più giovanissimo, è del ’72, che bazzica di musica dal lontano 1988 anno in cui, con il brano “Il treno dell’arcobaleno”, vince il concorso nazionale “Passaporto per Sanremo”.

Non voglio però dilungarmi nel descrivere ciò che ha fatto in campo musicale perché è del suo nuovo disco “Caminanti”, uscito nell’aprile del 2011, che vorrei scrivere.

E’ un disco piuttosto breve a dire il vero, otto tracce per un totale di trenta minuti tondi tondi, trenta minuti però di buone canzoni che hanno più di un pregio.

Prima di tutto contribuiscono, sebbene siano quasi tutte in stretto dialetto siracusano, a sdoganare un po’ la canzone popolare siciliana rendendola più facilmente accessibile a un pubblico più vasto o, per lo meno, a smentire lo stretto connubio tra canzone dialettale e musica folk, perché con questo disco Giancarlo dimostra che si può benissimo cantare in dialetto e con validi contenuti letterari, senza per questo doversi rifare al solo mondo del folk, bensì attingendo anche al pop d’autore e al rock melodico.

Procediamo però per gradi, in fondo le tracce sono solo otto e, scorrono via che è un piacere, tanto che a fine ascolto vien subito voglia di riascoltarlo senza venirne a noia e questo penso sia un altro pregio del suo modo di fare musica.

Il disco si apre con “Comu veni veni”, brano presentato all’11º Festival della nuova canzone siciliana in compagnia di Antonella Arancio. Anche in questa versione in studio il duetto funziona a meraviglia, bella la presenza ariosa e melodica degli archi e il chiaro riferimento al folk irlandese, evidenziato dalla zampogna a paro suonata da Pietro Cernuto. Il testo è un invito ad accogliere ciò che la vita ci riserva con il sorriso e con molta umiltà “e comu veni veni veni ni la pigghiamu / come veni veni veni poi ci pinsamu / comu veni veni veni dumani dimani viremu” malgrado quanto c’è di male “vanu dicennu ca sta arrivannu lu malu tempu / ca fussi megghiu lassari sta terra di nuddu / l’acqua sciurita ca c’era na vota ormai si finiu”.

Segue “A storia d’Orlandu” che, come s’intuisce dal titolo, si ispira all’Orlando Furioso, è un canto dolcissimo che si snoda in un crescendo di pathos fino ai laceranti versi finali in cui Giancarlo sogna che il destino della storia una volta tanto si ribalti a favore di chi lotta con onestà e onore “gira la rota di lu distinu / e lu bicchieri è menzu chinu / abballa Orlandu e canta chiù forti / dopu stu giru miscamu li carti / e cu nu colpu di durlindana / strazza la vesti alla morti buttana”. Non c’è una nota fuori posto, dalla delicatezza del pianoforte e degli archi all’intervento finale della Banda “Città di Enna”.

“Caminanti” è invece il brano con cui Giancarlo ha vinto la X° edizione del Festival della nuova canzone siciliana, ricevendo il prestigioso Premio dell'orchestra. E’ un canto che oscilla tra folk e rock, senza però mai perdere di vista la ricerca melodica, è una specie di inno, un forte invito a rimboccarsi le maniche contro le difficoltà “nziemmulu sordi contru li debbiti fimmini fimmini viniti cca / forza ammulativi tutti i cuteddha  / ca u pani duru tagghiari si fa” perché in fondo “Semu tutti caminanti, semu tutti caminanti / e abballati caminanti abballati caminanti”.

Tutta da gustare, per quel suo spirito sarcastico è “Musica di merda”, che tra reggae e melodia, ci racconta la storia di un cantautore che si presenta ad un impresario perché vorrebbe che il suo pezzo sfondasse, ma “L’impresario dici ca nun va / a strofa è troppu cutta allongala! / e da parola  è abbiata da ccussi / u ritornellu è troppu longu / Si e falla tu”, alla fine avrà”, incazzato il musicista prende la penna e scrive tutto quello che ha nel cuore, perché “la musica di merda è chista ca / e chidda ca ti senti o pianobar / ca a karaoke canti cu l’amici / na banda de stunati e di infelici … la senti pure al centro commerciale / mentri  tampigni l’oru pi Campari”. Si rivolge dunque all’impresario così “se nun mi chiami prestu perdu u trenu / e ti la pigghi n’culu tu e Sanremo” e non può che essere acida la conclusione “spirannu ca sta vota nou si perda / vi lassu la me musica di merda”. Caustica quanto efficace canzone.

“Amici” è una bella canzone sul tema dell’amicizia, che si apre dolcemente con lievi note di pianoforte e bellissimi versi “L’amici s’assumigghiunu su quadri addipingiuti nta lu munnu / su musica sunata a deci manu / e cantata all’acqua  e o ventu / di nichi su risati, vitra rutti co palluni ammenzu e strati / quantu n’ama fattu anziemi all’amici / poi crisciunu si perdunu e si sciancanu comu a n’cappeddu vecchiu / ma quannu s’arritrovunu s’abbrazzunu e parrunu di tuttu”, è solo il preludio ad altrettanti bei versi, che non riporto per intero per non dilungarmi troppo.

“C’è un buco” è l’unica canzone del disco a essere cantata in italiano e forse è meglio così, perché altrimenti se ne sarebbe persa l’immediatezza e la notevole carica ironica, essendo una lunga riflessione su come dietro a tanti aspetti della nostra vita e della nostra società ci sia un buco, tanto che “per concludere la storia basterebbe ricordare / che c’è sempre una morale / è da un buco che si nasce e in un buco torneremo”.

“Sempri ccà” profuma di tradizione grazie alla tammorra e alle percussioni di Totò Orlando, ma allo stesso tempo suona moderno e vitale grazie alle chitarre elettriche di Placido Salamone e il basso pulsante di Pino Ricosta. E’ un vero e proprio canto d’amore incondizionato per la propria terra, sebbene questa appaia immutabile nel tempo “ci su l’amuri, l’affanni, li stenti / intra un casciuni comu littra d’amanti / c’è lu to nasu ca è punta di stidda / c’è la to facci ca diu fici bedda / c’è tuttu ca un c’è a nuddi banni”.

Chiude il disco “Tenimi l’occhi aperti”, un bel brano scritto appositamente per questo disco da un altro siciliano Mario Incudine, con la presenza magica di Vincenzo Mancuso alle chitarre acustiche. E’ ancora una volta dialetto e questa volta è un canto d’amore pieno di delicatezza “tenimi l’occhi aperti ca vogghiu ristari ccà / dunami li tò manu ca nun sacciu chiù unni si và / tenimi e stringimi forti e fammi ristari ccà / ca ‘u ventu sbatti li porti ‘ncapu la nostra età  / strisciannu comu li gatti ‘a strata m’ha ‘nzignasti  tu / sunnannu li tò carzetti, lu jornu nun arriva cchiù”.

“Caminanti” è il nuovo disco di Giancarlo Guerrieri, otto semplici tracce, lineari, scritte con amore e che parlano al cuore di chi voglia ascoltarle, che si lasciano ascoltare d’un fiato ma non si esauriscono al primo ascolto, anzi fan venir voglia di essere riascoltate perché sembrano coinvolgere tutti. Allora parte un nuovo ascolto e poi ancora e ancora … è vero, siamo tutti “caminanti”.



















Giancarlo Guerrieri
Caminanti

ART Show produzioni / AltaQuota produzioni - 2011

Acquistabile nei negozi di dischi in Sicilia o scrivendo all’autore info@giancarloguerrieri.com

Tracklist
1. Comu veni veni
2. A storia d’Orlandu
3. Caminanti
4. Musica di merda
5. L’amici
6. C’è un buco
7. Sempri ccà
8. Tenimi l’occhi aperti

Crediti
Giancarlo Guerrieri: voce
Antonella Arancio: voce (1)
Emanuele Rinella: batteria (1, 3, 4, 5, 6, 7)
Pino Ricosta: basso (1, 3, 4, 5, 6, 7)
Mario Incudine: chitarra acustica (1, 7), mandola (3)
Rosellina Guzzo: arpa celtica (1)
Lucilla Benanti: flauto dritto (1)
Antonio Vasta: fisarmonica (1, 3, 5, 6), pianoforte (1, 5), scrittura e direzione archi (2)
Francesca Incudine: tamburello (1)
Totò Orlando: percussioni etniche (1, 5, 6), percussioni (4, 7, 8), tammorra (7), udu drum (8)
Pietro Cernuto: zampogna a paro (1), sax tenore (3)
Giovanni Cocuccio: violino (1, 3)
Salvo Mammoliti: violoncello (1, 3)
Antonella Anastasi: cori (1, 3, 4, 5, 6)
Roberta Zitelli: cori (1, 3, 4, 5, 6)
Giuseppe Cusumano: violino (2)
Adelaide Filippone: viola (2)
Paolo Pellegrino: violoncello (2)
Antonio Putzu: orchestrazione per banda (2)
Banda “Città di Enna”: (7)
Luigi Botte: direzione banda “Città di Enna” (7)
Placido Salamone: chitarre elettriche (3, 4, 5, 6, 7), chitarre acustiche (4, 5, 6)
Franco Barbarino: corde strane (4)
Max Busa: voce (7)
Vincenzo Mancuso: chitarre acustiche (8)

Testi e musiche di Giancarlo Guerrieri tranne: “Comu veni veni” (G.Guerrieri – M.Incudine) e “Tenimi l’occhi aperti” (M.Incudine)

Arrangiamenti: Mario Incudine tranne: “Caminanti” (G.Guerrieri-M.Incudine), “A storia d’Orlando” (A.Putzu.-M.Incudine), “Tenimi l’occhi aperti” (V.Mancuso-M.Incudine)

Produzione artistica: Mario Incudine e Giancarlo Guerrieri

Produzione esecutiva: Arturo Morano & Leonardo Bruno per Artshow e Altaquota produzioni

Ingegnere del suono: Leonardo Bruno

Registrato e Mixato da Leonardo Bruno e Mario Incudine, presso “Altaquota Studio” Petralia Soprana (PA)

“A storia d’Orlando” è stata registrata da Andrea Ensabella presso AS studio project Enna

Masterizzato all’Omnia Beat studio Milano da Paolo Mauri

Foto e grafica: Charley Fazio

Grafica: Roberto Molteni – Studio Compass

Giancarlo Guerrieri su MySpace: www.myspace.com/giancarloguerrieri


No comments: